“Mostrami i tuoi amici e ti dirò chi sei” dice il proverbio, ma se potessi predire le tue amicizie basandoti sulla tua attività cerebrale? Questo è esattamente ciò che gli scienziati hanno fatto in un nuovo studio.

La saggezza popolare abbonda di parole e aforismi su come si formano le amicizie e a quanto pare, c’è molto più di un granello di verità su questi concetti antichi.

Un nuovo studio condotto da Carolyn Parkinson – che ha lavorato in passato al Dartmouth College di Hanover, MA, ma che ora è un assistente di psicologia all’Università della California a Los Angeles – mostra che il cervello degli amici risponde in modo molto simile agli stessi stimoli del nostro.

L’amicizia, come il romanticismo, è un puzzle scientifico: perché facciamo amicizia con certe persone e non con gli altri? È perché tendiamo a scegliere inconsciamente persone che sono più simili a noi, come individui della stessa età, sesso o background educativo?

Le amicizie sono politicamente motivate , basate su una comprensione istintiva della gerarchia sociale? Oppure, come possiamo credere, sono spiegati da somiglianze intellettuali più complesse?

Lo studio del team, pubblicato sulla rivista Nature Communications, sostiene che tendiamo ad associarsi con persone il cui cervello risponde in modo simile al nostro stesso stimolo preimpostato.

“Le risposte neurali a stimoli dinamici e naturalistici, come i video, possono darci una finestra sui processi di pensiero spontanei della gente man mano che si sviluppano. I nostri risultati suggeriscono che gli amici elaborano il mondo intorno a loro in modi eccezionalmente simili.”

Carolyn Parkinson

Lo studio segue le orme della precedente ricerca del Dartmouth College, dimostrando che, quando incrociamo una persona che già conosciamo, il nostro cervello segnala spontaneamente la loro posizione gerarchica nel nostro social network privato.

L’attività cerebrale predice le relazioni

Parkinson e colleghi hanno reclutato per la prima volta 279 studenti laureati interrogati sulle loro amicizie, indicando le persone nella loro coorte a cui erano vicini. Quindi, i ricercatori hanno stimato le “distanze sociali tra individui” all’interno della rete della coorte usando “legami reciprocamente segnalati”.

Al fine di esplorare come le risposte del cervello allo stesso insieme di stimoli hanno influenzato la probabilità di formare un’amicizia, gli scienziati hanno condotto scansioni MRI funzionali (fMRI) su un sottogruppo di 42 partecipanti mentre venivano mostrati una serie di 14 video.

I video sono stati mostrati esattamente nello stesso ordine a tutti i partecipanti che sono stati sottoposti a scansioni cerebrali.

Successivamente, i ricercatori hanno esaminato coppie di studenti confrontando le loro risposte misurate con fMRI con gli stimoli a cui erano state esposte. Ciò è stato fatto per vedere se i partecipanti identificati come amici avessero anche risposte neurali simili.

L’analisi ha confermato che gli amici avevano le risposte neurali più simili in generale, con la loro attività cerebrale che indica reazioni emotive compatibili, feedback attinenti l’attenzione e ragionamento complesso.

Queste scoperte sono rimaste le stesse dopo che i ricercatori si sono adattati per variabili rilevanti, tra cui le passioni dei partecipanti, l’età e il sesso biologico.

Inoltre, lo studio ha rivelato che le risposte neurali potrebbero essere utilizzate anche per determinare la distanza sociale tra due persone.

“Siamo una specie sociale”, osserva l’autore senior dello studio Thalia Wheatley “e viviamo le nostre vite collegate a tutti gli altri: se vogliamo capire come funziona il cervello umano, dobbiamo capire come funzionano i cervelli in combinazione l’un l’altro.”

Gli scienziati ora vorrebbero scoprire dove si trova la causalità quando si tratta di amicizie. Cerchiamo persone che condividono la nostra visione del mondo o, al contrario, le nostre percezioni cambiano quando siamo coinvolti in un particolare gruppo sociale?

Una terza possibilità che stanno prendendo in considerazione è che la verità potrebbe trovarsi a metà strada: potremmo entrambi cercare persone che sono simili a noi e spostare la nostra percezione per adattarci meglio ai nostri nuovi legami sociali.

Fonte: medicalnewstoday