Recentemente, è stato discusso uno dei principali problemi di salute che domina i media tradizionali: gli antidepressivi. Più specificamente, funzionano davvero?

Gli antidepressivi sono sicuri ed efficaci? Questa domanda è stata ampiamente dibattuta negli ultimi anni.

Il dibattito globale su questo tema è stato avviato all’inizio di quest’anno, quando l’autore britannico Johann Hari ha pubblicato il suo libro, Lost Connections: Scoprire le vere cause della depressione – e le soluzioni inaspettate.

Hari ha usato antidepressivi per 13 anni, a partire da quando era un adolescente, e il nuovo libro è il suo tentativo di rispondere ad alcune delle domande che lo affliggevano da anni.

In particolare, cosa causa la depressione ? E perché gli antidepressivi non hanno curato la mia depressione?

Lost Connections è stato lanciato su una fanfara di testimonianze di celebrità, tra cui i musicisti Elton John e Brian Eno, l’attivista politica Naomi Klein e persino Hillary Clinton. Ha posto una domanda radicale : “Tutto ciò che sappiamo sulla depressione è sbagliato?” Suggeriva soluzioni radicali.

Per questi motivi, il lavoro ha suscitato immediatamente polemiche.

 

Il dibattito antidepressivo

Lost Connections circonda le numerose affermazioni secondo cui gli antidepressivi sono per lo più inefficaci, che questa inefficacia è stata nascosta dall’industria farmaceutica grazie a sistemi di regolazione inefficienti e che i meccanismi fisiologici a volte suggeriti come fattori scatenanti della depressione non sono supportati da prove.

“Dire alla gente, come mi è stato detto dal mio medico, che la depressione è causata da un problema nel cervello è, in primo luogo, falso”, ha detto Hari al The Guardian .

E  aggiunge, “è anche molto problematico perché distoglie le persone dal trovare le cause reali della loro depressione e ansia . Ci siamo raccontati questa storia chimica per 35 anni e ogni anno depressione e ansia peggiora.”

Queste affermazioni hanno allarmato i professionisti della salute e i giornalisti , che ora sono preoccupati che il libro chiederà ai pazienti di salute mentale di interrompere l’assunzione dei loro farmaci senza consultare un medico.

Nel frattempo, altri erano più preoccupati della veridicità delle affermazioni che Hari usava – in particolare su questa frase “tra il 65 e l’80 per cento delle persone che assumono antidepressivi, sono di nuovo depressi entro un anno” – e si chiede se possano essere supportate da studi scientifici.

Anche se Lost Connections ha sicuramente colpito una classe populista, i critici di Hari si affrettano a sottolineare che questa è solo la sua seconda importante opera dopo uno scandalo di plagio in pericolo di carriera nel 2011, che lo ha costretto a ritirarsi dall’opinione pubblica per un lungo periodo.

The Lancet review: l’ultima parola?

Il dibattito infuriava sui social media e in innumerevoli colonne editoriali fino al mese scorso, quando i risultati di una revisione sistematica di 6 anni in cui veniva valutata l’efficacia degli antidepressivi è stata pubblicata su The Lancet .

La revisione ha valutato tutti i dati scientifici – sia pubblicati che non pubblicati – che i ricercatori dell’Università di Oxford nel Regno Unito hanno potuto trovare. Questa analisi esaustivamente investigata è stata interpretata da alcuni commentatori come l’ultima parola sulla controversia antidepressiva.

Ad esempio, il Prof. Carmine Pariante – portavoce del Royal College of Psychiatrists nel Regno Unito – ha commentato :

“Questa meta-analisi mette finalmente a rischio le polemiche sugli antidepressivi, dimostrando chiaramente che questi farmaci funzionano per sollevare l’umore e aiutare la maggior parte delle persone con depressione”.

“È importante sottolineare”, aggiunge il prof. Pariante, “il documento analizza dati non pubblicati detenuti da società farmaceutiche e dimostra che il finanziamento di studi da parte di queste aziende non influenza il risultato, confermando così che l’utilità clinica di questi farmaci non è influenzata dal farmaco sponsorizzato. “

La revisione riconosce che i benefici a breve termine degli antidepressivi sono, in media, modesti, ma conclude che tutti i 21 antidepressivi studiati sono più efficaci del placebo per il trattamento del disturbo depressivo maggiore negli adulti.

Alcuni farmaci sono stati scoperti per essere più efficaci di altri. Escitalopram (Lexapro), mirtazapina (Remeron), paroxetina (Paxil, Brisdelle, Pexeva), agomelatina (Valdoxan) e sertralina (Zoloft) hanno tutti avuto un più alto tasso di risposta e un tasso di abbandono più basso rispetto ad altri antidepressivi, riportano i ricercatori.

Gli autori del documento rivolgono particolare attenzione al peso globale della depressione; colpisce circa 350 milioni di persone e sta diventando più comune, con aumenti considerevoli nel numero di persone depresse dal 1990 – che si pensa siano guidate da una popolazione in espansione e in via di invecchiamento.

Solo negli Stati Uniti, l’onere finanziario della depressione arriva a $ 210 miliardi all’anno, compresi il 50% dei costi di lavoro, il 45% dei costi diretti e il 5% dei costi relativi ai suicidi.

Non sappiamo come funzionano gli antidepressivi

La maggior parte degli antidepressivi inclusi nello studio appartiene a una classe di farmaci chiamati inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Si ritiene che gli antidepressivi funzionino aumentando i livelli di serotonina, ma questo non è stato confermato.

Si ritiene che funzionino aumentando i livelli di serotonina del neurotrasmettitore, ma i ricercatori ammettono che le prove a sostegno di questo meccanismo di azione non sono definitive. Davvero, nessuno sa esattamente come funzionano gli antidepressivi.

La serotonina è stata collegata al mantenimento dell’equilibrio dell’umore, dell’appetito e delle funzioni motorie, cognitive e autonome.

Dalla fine degli anni ’80, si riteneva che i bassi livelli di serotonina fossero il principale fattore di depressione. Ma questa posizione è stata messa in discussione – e non solo da Johann Hari.

Nel 2015, Medical News Today ha riportato un editoriale pubblicato su The BMJ da un importante critico degli SSRI chiamato Prof. David Healy. Ha sostenuto l’idea che la depressione sia causata da bassi livelli di serotonina e che gli SSRI ripristinino i livelli di serotonina è un mito che ha origine nel marketing farmaceutico.

I ricercatori di Oxford sostengono che sono necessarie più ricerche e antidepressivi più recenti e più precisi, ammettendo che l’identificazione di nuovi bersagli molecolari è stata resa difficile proprio a causa della mancanza di prove chiare su come funzionano gli antidepressivi.

La mancanza di ricerche che valutino l’uso a lungo termine di questi medicinali ha portato ad alcune preoccupazioni sul fatto che gli antidepressivi possano contribuire a rischi inaccettabili per la salute rispetto ai loro modesti benefici.

Gli antidepressivi possono aumentare il rischio di morte precoce?

Recentemente, la MNT ha esaminato uno studio che suggerisce che antidepressivi comuni possono aumentare drasticamente il rischio di mortalità .

una descrizione di antidepressivi e una persona che tiene una pillola

La ricerca ha suggerito che gli antidepressivi possono aumentare il rischio di morte prematura.

Il team dietro questo studio, presso la McMaster University in Ontario, Canada, ha condotto una meta-analisi di 16 studi per un totale di circa 375.000 partecipanti.

Hanno scoperto che le persone che assumono antidepressivi hanno un rischio maggiore del 33% di morte prematura rispetto alle persone che non lo sono.

Inoltre, le persone che utilizzano gli antidepressivi sono risultati essere il 14 per cento più probabilità di avere un ictus , infarto , o altri eventi cardiovascolari.

La meta-analisi non ha trovato una differenza significativa nei risultati tra le persone che assumono SSRI e quelli che usano triciclici, una precedente generazione di antidepressivi.

Tuttavia, poiché questa ricerca era uno studio osservazionale, gli scienziati non erano in grado di dimostrare che gli antidepressivi causano la morte prematura; potevano solo registrare un collegamento tra i due.

Parlando con MNT , l’autrice dello studio Marta Maslej ha ipotizzato possibili meccanismi che potrebbero guidare questa associazione.

” Gli antidepressivi interrompono il funzionamento delle monoamine (importanti sostanze biochimiche come la serotonina e la dopamina) e queste monoamine hanno importanti funzioni non solo nel cervello, ma su tutto il corpo”.
Marta Maslej

“Ad esempio”, ha aggiunto, “la serotonina influenza la crescita, la riproduzione, la digestione, la funzione immunitaria e molti altri processi e si trova in quasi tutti gli organi principali”.

“Interrompere il funzionamento della serotonina può quindi avere diversi effetti avversi, che possono contribuire a un rischio di morte in molti modi diversi”.

Si stima che circa 1 adulto su 10 negli Stati Uniti ora prenda antidepressivi e, con l’incidenza della depressione in aumento, sembra improbabile che questi numeri si invertano presto.

È anche improbabile che l’intenso dibattito sul ruolo che queste medicine svolgono nella nostra società si annulli o diventi meno controverso, nonostante i nuovi dati.

Ma – da Hari ai gruppi di ricerca – in questo dibattito sono concordi sul fatto che se stai assumendo antidepressivi e sei preoccupato dei loro effetti, non dovresti smettere di prenderli senza consultare prima il tuo medico.

Parla sempre con il tuo medico prima di apportare modifiche ai farmaci.

Fonte:Medical News Today By David Railton