IMC-1 è un farmaco sperimentale di Innovative Med Concepts (IMC) studiato per il trattamento della fibromialgia.

La fibromialgia (FM) è un disturbo cronico con sintomi che includono dolore cronico, affaticamento, mal di testa, problemi di sonno, cambiamenti di umore e incapacità di concentrazione. Le persone con FM hanno un problema con l’elaborazione del dolore centrale. Sebbene le cause esatte   della condizione siano sconosciute, si pensa che sia dovuta a una combinazione di fattori genetici e ambientali. Altre potenziali cause che possono scatenare l’ FM includono: trauma fisico, infezioni, sofferenza emotiva, disturbi endocrini e attivazione immunitaria.

IMC-1 è un  farmaco a combinazione a dose fissa con dosi proprietarie di famciclovir, un analogo nucleosidico anti-virale, che previene la replicazione virale, e il composto anti-infiammatorio celecoxib, che elabora anche l’attività anti-virale unica. Il  meccanismo d’azione  di IMC-1 è quello di sopprimere il virus dell’herpes residente nei tessuti cronici (HSV-1), interrompendo i processi ciclici della riattivazione del virus e dell’infezione litica, che possono avere un ruolo nell’innescare e / o nel mantenere i sintomi della FM.

Studi clinici IMC-1

Un test clinico di fase 2 con IMC-1 è stato completato con successo ( NCT01850420, noto come PRID-201 ). In questo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e verifica teorica, il farmaco è stato valutato per la sua efficacia e sicurezza. Un totale di 143 partecipanti donne con FM, provenienti da diversi siti negli Stati Uniti, hanno ricevuto IMC-1 o un placebo. I ricercatori hanno misurato i punteggi del dolore dei partecipanti in un periodo di trattamento di 16 settimane utilizzando due questionari: il Patient Global Impression of Change (PGIC) e il questionario sull’impatto della fibromialgia modificato specifico per la malattia (FIQ-R).

I risultati, annunciati in occasione della riunione annuale dell’American College of Rheumatology del 2014 e pubblicati sul Journal of Pain Research , hanno dimostrato che dopo 16 settimane di trattamento, i pazienti che assumevano ICM-1 avevano una diminuzione del dolore associato alla fibromi algia. C’era anche una diminuzione dei livelli di stanchezza auto-riferiti dei pazienti. Il farmaco era ben tollerato e sicuro.

Questi risultati suggeriscono che IMC-1 potrebbe essere una promettente nuova opzione per il trattamento del dolore e altri sintomi della FM, così come per altre condizioni, come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), l’encefalomielite mialgica o la sindrome da stanchezza cronica (ME / CFS ), dolore cronico al collo e alla schiena e deterioramento cognitivo, nonché un’ampia gamma di altre condizioni che condividono gli stessi processi fisiologici sottostanti. Nel complesso, lo studio ha dimostrato che sopprimere il virus dell’herpes latente (HSV-1) è in grado di migliorare significativamente i sintomi della FM.

Altri dettagli

Gli effetti indesiderati comuni di IMC-1 includono eventi avversi che interessano il tratto digerente e il sistema nervoso. Tuttavia, durante lo studio di Fase 2  questi sono stati osservati più frequentemente nel gruppo placebo, suggerendo che potrebbero non essere causati direttamente dal farmaco.

A gennaio 2016, IMC-1 è stata premiata con la Fast Track Designation dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense . Questa designazione è stata progettata per facilitare lo sviluppo e accelerare la revisione dei farmaci per il trattamento di gravi malattie per le quali esiste una necessità medica insoddisfatta.

IMC-1 è stato emesso un Brevetto per la composizione della materia e un brevetto per il metodo di utilizzo per il trattamento di FM, CFS e IBS, negli Stati Uniti. Altri brevetti sono stati rilasciati o consentiti per IMC-1 in Europa, Giappone e Australia.

Attualmente , IMC sta lavorando per avviare uno studio registrativo di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, fattoriale, utilizzando una versione migliorata di IMC-1.

Fonte: fibromyalgianewstoday.com

Nota:  l’articolo è a carattere informativo-divulgativo e non intende sostituirsi alla figura del medico o fornire consulenza medica, diagnosi o trattamento. Chiedere sempre al proprio medico informazioni e consigli in merito a terapie e diagnosi.