L’uso di droghe o di una dieta per ridurre i livelli di asparagina può giovare ai pazienti, affermano i ricercatori

Questo è un mondo che ci sorprende di continuo perché è capace di stravolgere in un attimo convinzioni ataviche tramandate dagli antichi, cosicché cibi che fino a ieri consideravamo salutari, oggi diventano veicoli per patologie importanti come il cancro.

E’ il caso degli asparagi, un alimento ricco di vitamine (A,C,E) e sali minerali, adatto per prevenire il diabete di tipo 2 e che dopo uno studio di alcuni scienziati, è diventato pericoloso soprattutto per l’evoluzione del tumore al seno a causa di un suo composto e più precisamente l’asparagina. Di seguito l’articolo completo riportato da The Guardian.

I pazienti affetti da cancro al seno potrebbero essere incoraggiati a tagliare gli asparagi e altri alimenti dalla loro dieta in futuro per ridurre il rischio di diffusione della malattia, dicono gli scienziati.

Quando gli scienziati hanno ridotto l’asparagina negli animali con cancro al seno, hanno scoperto che il numero di tumori secondari in altri tessuti è diminuito drasticamente. La diffusione di cellule maligne , spesso alle ossa, ai polmoni e al cervello, è la principale causa di morte tra i pazienti a cui viene diagnosticato un cancro al seno.

“Questo è un vantaggio molto promettente e uno dei pochissimi casi in cui vi è una motivazione scientifica per una modifica dietetica che influenza il cancro”, ha detto lo scienziato prof. Greg Hannon, direttore del Cancer Research UK Cancer Institute di Cambridge.

L’asparagina è un amminoacido che viene prodotto naturalmente nel corpo come elemento di base per le proteine. Ma si trova anche nella dieta e in alti livelli in alcune carni, verdure e latticini.

Il team internazionale di specialisti del cancro provenienti da Gran Bretagna, Stati Uniti e Canada ha studiato topi con una forma aggressiva di cancro al seno. I topi sviluppano tumori secondari nel giro di poche settimane e tendono a morire a causa della malattia entro pochi mesi.

Scrivendo sulla rivista Nature , i ricercatori descrivono come hanno ridotto la capacità del cancro al seno di diffondersi negli animali bloccando l’asparagina con un farmaco chiamato L-asparaginasi. In misura minore, lavorando anche gli animali con una dieta a bassa asparagina. Ispirati dai risultati, gli scienziati hanno esaminato i record dei tumori umani e hanno scoperto che i tumori al seno che hanno sfornato la maggior parte delle asparagine avevano maggiori probabilità di diffondersi, portando i pazienti a morire prima. Lo stesso si è visto nei tumori della testa, del collo e dei reni.

L’asparagina sembra aiutare le cellule tumorali a trasformarsi in una forma che si diffonde facilmente dal seno, attraverso il flusso sanguigno, ad altri organi dove crescono in tumori secondari, ha detto Hannon. Mentre la soppressione dei livelli di asparagina ha ridotto la diffusione del cancro al seno in tutto il corpo, non ha fatto nulla per prevenire la formazione di tumori al seno.

Se i risultati sono presenti negli esseri umani, i pazienti con tumore al seno possono essere sottoposti a diete povere di asparagina mentre hanno trattamenti convenzionali, come la chemioterapia, per la malattia. Ma poiché l’asparagina è così onnipresente nel cibo, i farmaci che prendono di mira l’amminoacido possono essere più efficaci. L-asparagina rompe l’amminoacido nel sangue, ma farmaci più mirati potrebbero bloccare la sua produzione del tutto.

“Questo è un caso in cui possiamo mostrare a un livello biochimico profondo come un cambiamento nella dieta può influire sulle proprietà delle cellule che sono rilevanti per la progressione della malattia letale”, ha detto Hannon. “Ma naturalmente, fino a quando non saranno compiuti studi sull’uomo, questo non è un metodo fai-da-te per prevenire il cancro.”

Il prof. Keqiang Ye, ricercatore oncologo presso la Emory University di Atlanta, ha affermato che abbassare i livelli di asparagina, sia con farmaci che con restrizioni dietetiche, contribuirebbe a prevenire la diffusione delle cellule tumorali. Ma per i pazienti, ha detto che i trattamenti farmacologici hanno più promesse rispetto ai cambiamenti nella loro dieta.

“L’asparagina si trova spesso in varie fonti animali tra cui carne di manzo, pollame, uova, pesce e frutti di mare. Si trova anche in molte verdure tra cui asparagi, patate, noci, legumi e soia. Dato che questi alimenti sono così comuni, sembra che la restrizione della dieta possa non essere l’approccio ideale “, ha affermato Ye.

La baronessa Delyth Morgan, amministratore delegato di Breast Cancer Now, ha dichiarato: “Questa scoperta anticipata potrebbe offrire un nuovo modo a lungo atteso per aiutare a fermare la diffusione del cancro al seno – ma prima dobbiamo capire il vero ruolo di questa sostanza nutritiva nei pazienti. Con quasi 11.500 donne che ancora muoiono di cancro al seno ogni anno nel Regno Unito, abbiamo urgentemente bisogno di fermare la diffusione della malattia in tutto il corpo, dove diventa incurabile .

“Sulla base delle prove attuali, sconsigliamo ai pazienti di escludere completamente qualsiasi gruppo alimentare specifico dalla loro dieta senza parlare con i loro medici. Incoraggiamo inoltre tutti i pazienti a seguire una dieta sana e varia – ricca di frutta, verdura e legumi e limitata in carne lavorata e cibi ricchi di grassi o zuccheri – per contribuire a dare loro le migliori possibilità di sopravvivenza. “

Fonte: The Guardian