Il termine “depressione di Facebook” è stato coniato per spiegare l’impatto potenzialmente negativo dei social media sui giovani. Descrive i sintomi depressivi che possono verificarsi quando i giovani trascorrono molto tempo sui social media.

Si stima che nel 2016 2,5 milioni di bambini del Regno Unito di età compresa tra 13 e 17 anni hanno utilizzato Facebook, uno dei tanti siti di social media collegati al fenomeno. Inoltre, nonostante le norme che vietano ai minori di 13 anni di creare account sui social media, un rapporto pubblicato dalla London School of Economics ha suggerito che il 43% dei bambini di età compresa tra 9 e 12 anni ha un account di social network, con sempre più bambini che accedono ai social media con il tempo .

Sempre più spesso, le prove suggeriscono che l’uso dei social media da parte dei giovani sta avendo un effetto negativo sulla loro salute mentale . Un sondaggio di Young Minds suggerisce che un numero maggiore di giovani considera i social media come aventi un impatto negativo sul modo in cui si sentono rispetto a se stessi rispetto a quelli che segnalano impatti positivi. L’effetto più comunemente citato è la depressione, o sintomi depressivi , con uno studio, che non ha esaminato specificamente i giovani, suggerendo che un maggiore uso dei social media è legato alla minore felicità momento-momento e soddisfazione della vita.

Si pensa che questi effetti si verifichino per una serie di motivi, ad esempio, il confronto della propria vita con gli amici sui siti di social media può portare a un giovane sentirsi inadeguato o peggiore di altri. Questo effetto può essere esacerbato se i giovani si confrontano con celebrità le cui vite possono sembrare molto più glamour ed eccitanti della loro. Le cause indirette di depressione sono state identificate anche con l’uso dei social media, come i giovani che sviluppano la dismorfia corporea, che può portare alla depressione.

Sebbene la maggior parte delle prove sugli effetti dei social media utilizzino il collegamento alla depressione nei giovani, ci sono una vasta gamma di altri effetti sulla salute mentale che possono verificarsi. Un sondaggio condotto su 1.500 tra 14 e 24 anni nel Regno Unito, pubblicato dalla Royal Society for Public Health (RSPH) e dal Movimento Young Health (YHM), ha rilevato che Instagram, Snapchat e Facebook erano le tre peggiori piattaforme social per avere un disturbo mentale negativo effetti sulla salute dei bambini Il rapporto afferma che questo potrebbe essere correlato alla depressione, ma potrebbero esserci anche legami con un aumento del cyberbullismo, un peggioramento del sonno e sentimenti di isolamento sociale e ansia.

Questi effetti sembrano peggiorare con il tempo impiegato per aumentare i social media. Un rapporto dell’Istituto di politica dell’istruzione suggerisce che esiste una relazione dose-risposta tra questi, con ogni ora aggiuntiva spesa sui social media che aumenta il rischio di problemi sociali o emotivi nei giovani.

Come risultato dei risultati del sondaggio, RSPH e YHM hanno formulato una serie di raccomandazioni per ridurre o prevenire gli effetti negativi dei social media. Le raccomandazioni si concentrano su utenti e società di social media. Questi includono avvertire i giovani quando hanno speso troppo tempo sui social media e implementando un meccanismo che può identificare i giovani che stanno mostrando segni di problemi di salute mentale sui social media.

Dal rapporto emerge che educare gli utenti a gestire i rischi per la salute mentale aumentati dai social media è tanto importante quanto l’azione delle aziende. Potrebbe richiedere un uso sicuro dei social media per essere insegnato come parte dell’educazione di un bambino, o una componente di social media da includere nella formazione degli operatori giovanili e di altri professionisti che si impegnano con i giovani.

Nonostante i potenziali effetti negativi, ci sono anche alcuni benefici positivi per la salute mentale derivanti dall’uso dei social media, in particolare attraverso le reti di supporto che può fornire. I bambini e i giovani riferiscono di essere in grado di creare migliori relazioni con i loro amici attraverso i social media. Anche coloro che soffrono di problemi di salute sono in grado di avere un migliore accesso alle esperienze di salute di altre persone, così come informazioni sanitarie esperte. Infine, i social media possono aiutare i giovani con l’auto-espressione e l’auto-identità, che sono aspetti importanti del loro sviluppo durante l’adolescenza.

Sebbene le prove colleghino l’uso dei social media a scarsi risultati di salute mentale , le aziende dei social media non possono assumersene interamente la responsabilità. Gestire i rischi della depressione dai siti di social media è la responsabilità congiunta sia dell’utente che dei social media.

In effetti, l’attenzione potrebbe dover essere spostata verso l’educazione dei giovani su come far fronte alle emozioni che i social media possono portare e renderli consapevoli dei potenziali rischi dell’utilizzo eccessivo. La depressione dei social media è destinata a peggiorare, quindi ora è il momento di educare i giovani sulle potenziali insidie ​​dei social media.

Fonte: medicalexpress.com