Se il vostro partner inizia a mostrare un calo della libido, non vuol dire per forza che abbia un’amante o che non via ami più.  Potrebbe invece soffrire di HSDD ossia del Disturbo del desiderio sessuale.

Il Disturbo del desiderio sessuale è una condizione psichiatrica caratterizzata da una mancanza di desiderio di attività sessuale per un periodo prolungato.

nel Manuale diagnostico e statistico (DSM) dei disturbi mentali, il Disturbo del desiderio sessuale è stato suddiviso in due condizioni distinte: Interesse sessuale femminile / disturbo dell’eccitazione e disturbo del desiderio sessuale ipoattivo maschile. Entrambi si riferiscono a un basso livello di interesse sessuale che si traduce in un fallimento nell’iniziare o rispondere all’intimità sessuale. Nessuna di queste condizioni può essere diagnosticata se il problema principale è una “discrepanza del desiderio” in cui un partner desidera più attività sessuale rispetto all’altro; piuttosto, le condizioni sono diagnosticate quando i sintomi sono stati presenti per un minimo di sei mesi e causano disagio clinicamente significativo nell’individuo.

Una diagnosi di Disturbo del desiderio sessuale negli uomini e nelle donne si riferisce alla mancanza o alla riduzione dell’interesse o del desiderio di attività sessuale. Ciò può includere un’assenza di pensieri o fantasie sessuali, piacere ridotto o assente durante l’attività sessuale e un interesse assente o ridotto nei segnali erotici interni o esterni.

Disturbo dell’eccitazione sessuale femminile / disturbo dell’eccitazione e disturbo del desiderio sessuale ipoattivo maschile possono entrambi essere diagnosticati come generalizzati, nel senso che possono essere un atteggiamento generale nei confronti di qualsiasi potenziale partner o situazione. Queste condizioni possono anche essere diagnosticate come situazionali, il che significa che i sintomi sono presenti solo con determinati tipi di stimolazione, situazioni o partner. Il Disturbo dell’eccitazione sessuale femminile, era noto come disturbo dell’eccitazione sessuale nelle versioni precedenti del DSM, sebbene tale diagnosi sia stata sostituita da condizioni specifiche di genere nel DSM-5.

La prevalenza di Interesse sessuale femminile / disturbo dell’eccitazione sessuale è sconosciuta, anche se alcune donne più anziane riferiscono meno angoscia riguardo all’esperienza di un basso desiderio sessuale rispetto alle donne più giovani. Negli uomini, si stima che il 6% degli uomini più giovani (dai 18 ai 24 anni) e il 41% degli uomini più anziani (dai 66 ai 74 anni) abbia qualche problema con il desiderio sessuale. Solo l’1,8% degli uomini tra 16 e 44 anni, tuttavia, ha problemi persistenti che durano più di sei mesi.

Sintomi

I sintomi di interesse sessuale femminile / disturbo dell’eccitazione includono quanto segue:

  • Assente o ridotto interesse per l’attività sessuale
  • Pensieri o fantasie sessuali assenti o ridotti
  • Iniziazione ridotta o nulla dell’attività sessuale
  • Eccitazione o piacere sessuale assente o ridotto durante la maggior parte delle attività sessuali
  • Interesse o eccitazione sessuale assente o ridotta in risposta a segnali interni o esterni, come i tentativi di un partner di iniziare un’attività sessuale
  • Sensazioni genitali o non essenziali assenti o ridotte durante l’attività sessuale

Per soddisfare i criteri per l’interesse sessuale femminile / il disturbo dell’eccitazione, i sintomi devono essere presenti per almeno sei mesi e causare un significativo disagio all’individuo.

I sintomi del disturbo da desiderio sessuale ipoattivo maschile includono quanto segue:

  • Pensieri o fantasie sessuali ridotti o assenti
  • Desiderio ridotto o assente per attività sessuale

Analogamente all’interesse sessuale femminile / al disturbo dell’eccitazione, i sintomi devono essere presenti anche per almeno sei mesi e causare un significativo disagio all’individuo.

Entrambe queste condizioni possono essere diagnosticate come un problema permanente o un problema acquisito che si è presentato dopo un periodo di normale attività sessuale.

Le cause

I cambiamenti nel desiderio sessuale sono naturali nel tempo e possono andare e venire a seconda degli eventi personali o dei problemi relativi ai partner. Quando la mancanza di interesse per l’attività sessuale dura più di sei mesi e causa angoscia, tuttavia, i criteri per un disturbo del desiderio sessuale possono essere soddisfatti.

Alcuni fattori di rischio per lo sviluppo di un disturbo del desiderio sessuale includono:

  • Atteggiamenti negativi sulla sessualità
  • Difficoltà relazionali (scarsa comunicazione, abuso)
  • Funzionamento sessuale del partner
  • Fattori di stress per l’infanzia
  • Condizioni mediche (diabete mellito, disfunzione tiroidea)
  • Patologie endocrine (iperprolattinemia)
  • Disfunzione erettile
  • Storia di abuso emotivo o fisico
  • Altre diagnosi psichiatriche (depressione, ansia)
  • Effetti collaterali del farmaco
  • Stressori (perdita del lavoro, lutto)
  • Uso di alcol

trattamenti

Il trattamento per un disturbo del desiderio sessuale può includere psicoterapia e farmaci. Nel 2015, la FDA ha approvato un farmaco chiamato Addyi (flibanserin) per il trattamento del disturbo del desiderio sessuale ipoattivo acquisito generalizzato (HSDD) nelle donne in premenopausa. La ricerca è attualmente in corso per valutare l’efficacia di questo farmaco.

Il trattamento deve essere individualizzato: alcune coppie avranno bisogno di una relazione o terapia coniugale prima di concentrarsi direttamente sul miglioramento dell’attività sessuale.

Naturalmente, molte coppie potrebbero dover concentrarsi sulla relazione sessuale stessa, e attraverso l’educazione e gli incarichi possono espandere la varietà e il tempo dedicato all’attività sessuale.

Quando i problemi con l’eccitazione sessuale o le prestazioni sono fattori, queste disfunzioni sessuali dovranno essere affrontate.

Prevenzione

Un modo utile per prevenire problemi con il desiderio sessuale è mettere da parte il tempo per l’intimità non sessuale. Le coppie che si riservano il tempo per parlare uno contro uno hanno maggiori probabilità di sperimentare il desiderio sessuale. Inoltre, riservare il tempo prima dell’esaurimento favorirà la vicinanza e il desiderio sessuale. Le coppie potrebbero separare mentalmente il sesso e l’affetto, in modo che nessuno abbia paura di essere affettuoso ogni giorno.

Leggere libri o seguire corsi di comunicazione o massaggio di coppia può anche incoraggiare sentimenti di vicinanza. Per alcune coppie, leggere romanzi o guardare film con contenuti romantici o sessuali può anche servire a incoraggiare il desiderio sessuale.

Il basso desiderio sessuale può essere un barometro della salute emotiva della relazione. Nel caso di una relazione d’amore, il basso desiderio sessuale può far sì che un partner si senta ripetutamente ferito e rifiutato, portando a eventuali sentimenti di risentimento e alla promozione di eventuali distanze emotive.

Il sesso è qualcosa che, per la maggior parte delle coppie, lega la loro relazione o crea un cuneo che li allontana gradualmente. Quando un partner è significativamente meno interessato al sesso rispetto al suo compagno, si raccomanda un aiuto professionale prima che la relazione diventi tesa.

Fonte: psychologytoday.com