Una capsula elettronica ingeribile che rileva il gas potrebbe aiutare nella diagnosi dei disturbi gastrointestinali, inclusa la sindrome dell’intestino irritabile.

 

Gli scienziati dell’università RMIT di Melbourne hanno mostrato la capsula ingeribile all’inizio del 2015 nella speranza che potessero aiutare i medici a capire quali alimenti fossero problematici per i loro pazienti rilevando e misurando i gas intestinali prodotti dai batteri intestinali.

Ora hanno rilasciato i risultati delle prime prove umane della capsula, che raccolgono informazioni sui gas e la trasmettono a un dispositivo portatile e a un telefono cellulare, che i medici possono leggere.

Un gruppo di 26 persone ha preso parte all’esperimento l’anno scorso e ha dimostrato che la capsula era sicura per l’uso nell’uomo, aprendo la strada a test più estesi che avverranno nel 2019.

Come bonus, le prove hanno fornito una sorprendente serie di nuove informazioni sul funzionamento del microbioma dell’intestino, la colonia di migliaia di miliardi di batteri ritenuti utili per mantenerci sani.

Il capo ricercatore e co-inventore della capsula, Prof Kourosh Kalantar Zadeh, ha detto di aver scoperto che lo stomaco rilascia sostanze chimiche ossidanti per liberarsi di corpi estranei, possibilmente come un meccanismo di protezione.

Hanno anche scoperto che le persone con diete ad alto contenuto di fibre avevano elevate quantità di ossigeno nel loro colon – un’informazione che ribaltava una teoria da lungo tempo secondo cui il colon era privo di ossigeno e potrebbe aiutare gli scienziati a capire come si sviluppa il cancro del colon.

“Per la prima volta abbiamo uno strumento che fornisce informazioni sulle attività del microbioma all’interno dell’intestino”, ha detto Kalantar Zadeh.

Gli scienziati stanno cercando di raccogliere fino a $ 8 milioni per il prossimo ciclo di prove cliniche del dispositivo in 300 pazienti con problemi digestivi tra cui la sindrome dell’intestino irritabile e la proliferazione batterica intestinale.

Andando tutto bene, sperano che la capsula sarà in vendita entro il 2020 tra $ 100 e $ 200.

L’altro co-inventore della capsula, il dott. Kyle Berean, ha detto che i risultati dello studio hanno suggerito che la capsula è più accurata e meno invasiva dei metodi esistenti usati per misurare i gas intestinali.

I metodi più comuni attualmente utilizzati sono i test respiratori e fecali, tuttavia alcuni pazienti vengono sottoposti a chirurgia in modo da esaminare i campioni diretti dall’intestino.

I risultati dei primi studi sull’uomo sono stati pubblicati sulla rivista Nature Electronics.

fonte: The Guardian