I dubbi li abbiamo sempre avuti, ma gli ultimi studi condotti in Svizzera, confermano che le radiazioni dei cellulari influiscono negativamente sulla salute delle persone. Soprattutto i giovani a rischio.

 

I campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere effetti negativi sullo sviluppo delle prestazioni della memoria di specifiche regioni del cervello esposte durante l’uso del telefono cellulare. Questi sono i risultati di uno studio che ha coinvolto circa 700 adolescenti in Svizzera.

L’inchiesta, guidata dall’Istituto svizzero per la salute e la salute pubblica (Swiss TPH), sarà pubblicata lunedì 23 luglio 2018 nella rivista peer-reviewed Environmental Health Perspectives .

La rapida evoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) si accompagna ad un aumento dell’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) nella nostra vita quotidiana. La fonte di esposizione più rilevante per il cervello è l’uso di un telefono cellulare vicino alla testa. Numerosi studi sono stati condotti per identificare potenziali effetti sulla salute correlati al RF-EMF, anche se i risultati sono rimasti inconcludenti.




La ricerca condotta dagli scienziati dell’Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (Swiss TPH) ha esaminato la relazione tra l’esposizione a RF-EMF dai dispositivi di comunicazione wireless e le prestazioni di memoria negli adolescenti.

Lo studio fa seguito a un rapporto pubblicato nella rivista scientifica Environment International nel 2015 con il doppio delle dimensioni del campione e informazioni più recenti sull’assorbimento di RF-EMF nei cervelli degli adolescenti durante diversi tipi di utilizzo di dispositivi di comunicazione wireless. Questi sono i primi studi epidemiologici al mondo per stimare la dose cumulativa del cervello RF-EMF negli adolescenti.

Utilizzo dei media ed esposizione cerebrale nei giovani adulti

Lo studio ha rilevato che l’esposizione cumulativa del cervello RF-EMF dall’uso di telefoni cellulari nell’arco di un anno, può avere un effetto negativo sullo sviluppo delle prestazioni della memoria figurale negli adolescenti, confermando i risultati precedenti pubblicati nel 2015. La memoria figurale è principalmente localizzato nell’emisfero cerebrale destro e l’associazione con RF-EMF era più pronunciato negli adolescenti usando il telefono cellulare sul lato destro della testa. “Questo potrebbe suggerire che il RF-EMF assorbito dal cervello sia responsabile delle associazioni osservate.” ha dichiarato Martin Röösli, Responsabile delle esposizioni e salute ambientale presso Swiss TPH.

La rapida evoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) si accompagna ad un aumento dell’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) nella nostra vita quotidiana. La fonte di esposizione più rilevante per il cervello è l’uso di un telefono cellulare vicino alla testa. Numerosi studi sono stati condotti per identificare potenziali effetti sulla salute correlati al RF-EMF, anche se i risultati sono rimasti inconcludenti.

La ricerca condotta dagli scienziati dell’Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (Swiss TPH) ha esaminato la relazione tra l’esposizione a RF-EMF dai dispositivi di comunicazione wireless e le prestazioni di memoria negli adolescenti.

Lo studio fa seguito a un rapporto pubblicato nella rivista scientifica Environment International nel 2015 con il doppio delle dimensioni del campione e informazioni più recenti sull’assorbimento di RF-EMF nei cervelli degli adolescenti durante diversi tipi di utilizzo di dispositivi di comunicazione wireless. Questi sono i primi studi epidemiologici al mondo per stimare la dose cumulativa del cervello RF-EMF negli adolescenti.

Altri aspetti dell’uso della comunicazione wireless, come l’invio di messaggi di testo, la riproduzione di giochi o la navigazione in Interne,t causano solo un’esposizione marginale RF-EMF al cervello e non sono associati allo sviluppo delle prestazioni della memoria. “Una caratteristica unica di questo studio è l’utilizzo di dati utente di telefoni cellulari raccolti in modo oggettivo dagli operatori di telefonia mobile”, ha detto Röösli.

Ha sottolineato che sono necessarie ulteriori ricerche per escludere l’influenza di altri fattori. “Ad esempio, i risultati dello studio potrebbero essere stati influenzati dalla pubertà, che riguarda sia l’uso del telefono cellulare sia lo stato cognitivo e comportamentale del partecipante”.

I dati raccolti dalla coorte di effetti sulla salute degli utenti di telefonia mobile negli adolescenti (HERMES) hanno esaminato la relazione tra l’esposizione a RF-EMF e lo sviluppo delle prestazioni della memoria di circa 700 adolescenti nel corso di un anno. I partecipanti, di età compresa tra 12 e 17 anni, sono stati reclutati dal 7 ° al 9 ° anno di scuola pubblica nelle aree urbane e rurali della Svizzera tedesca.

Riduzione al minimo del rischio di esposizione ai campi elettromagnetici

L’effetto potenziale dell’esposizione RF-EMF al cervello è un campo relativamente nuovo di indagine scientifica. “Non è ancora chiaro come RF-EMF possa potenzialmente influenzare i processi cerebrali o quanto rilevanti siano le nostre scoperte a lungo termine.” ha detto Röösli.

“I potenziali rischi per il cervello possono essere ridotti al minimo utilizzando le cuffie o l’altoparlante durante la chiamata, in particolare quando la qualità della rete è bassa e il telefono funziona alla massima potenza.”

Informazioni sulla pubblicazione

Lo studio è stato condotto da Swiss TPH in collaborazione con il progetto dell’Unione europea GERoNiMO, che mira a migliorare la conoscenza di se e in quale misura l’RF-EMF influisce sulla salute.




Il lavoro sul calcolo della dose è stato condotto in collaborazione con scienziati belgi. Il progetto è stato finanziato dal Settimo programma quadro della Comunità europea e dalla Fondazione nazionale svizzera per la scienza (SNSF).

Fonte:
Swiss Tropical and Public Health Institute. “Mobile phone radiation may affect memory performance in adolescents, study finds.” ScienceDaily. ScienceDaily, 19 July 2018