In molte specie, compresi gli esseri umani, i giovani sono spesso più suscettibili alle infezioni rispetto agli adulti, anche dopo aver tenuto conto di una precedente esposizione all’infezione.

Da un punto di vista evolutivo ciò può sembrare sconcertante, poiché morire giovani o diventare sterili a causa di un’infezione significa che gli organismi non saranno in grado di riprodursi. Tuttavia, una nuova ricerca dell’Università di Bath suggerisce che molte specie potrebbero essersi evolute per dare priorità alla crescita rispetto all’immunità durante la maturazione.

Comprendere con precisione come l’immunità varia con l’età in diverse specie è complessa. Gli umani, come altri vertebrati, possiedono sia risposte immunitarie innate che adattive, ma la componente adattativa è efficace solo contro le infezioni dopo l’esposizione.

Dal momento che le persone più giovani hanno meno probabilità di avere una precedente esposizione a molte infezioni, dovrebbero essere più sensibili. Tuttavia, anche dopo aver considerato un’esposizione precedente, vi sono prove crescenti che i bambini sono intrinsecamente più sensibili degli adulti a determinate infezioni. Allo stesso modo, molte specie animali e vegetali che mancano del sistema immunitario adattivo sono state anche trovate più suscettibili durante gli stadi giovanili, suggerendo che questo fenomeno è diffuso in natura.




In un nuovo studio pubblicato negli  Atti della Royal Society B , gli scienziati dell’Università di Bath e dell’Università della Virginia usano modelli teorici per prevedere come e quando i giovani si evolvono per essere più suscettibili degli adulti alle infezioni. Fondamentalmente, i ricercatori studiano cosa succede se i giovani devono scegliere tra usare le loro risorse limitate per la crescita o per prevenire l’infezione.

Il dott. Ben Ashby , autore principale del documento e ricercatore finanziato dal Natural Environment Research Council (NERC) nel Dipartimento di Scienze Matematiche di Bath  , spiega: “Dirottando temporaneamente le risorse dall’immunità durante lo sviluppo, gli organismi sono a maggior rischio di infezione mentre i giovani possono crescere più velocemente o più grandi, dando loro un vantaggio durante l’età adulta. “

I modelli mostrano che la misura in cui i giovani si evolvono per essere più sensibili rispetto agli adulti dipende dal ciclo di vita dell’ospite e dalle caratteristiche della malattia.

Sull’uso di modelli matematici, il dott. Ashby ha detto: “Lo studio di semplici modelli matematici ci consente di fare previsioni generali su come la suscettibilità giovanile possa evolvere in natura, dicendoci come fattori come la durata della vita e la durata del periodo giovanile influenzino il commercio -off gli organismi possono trovarsi di fronte tra crescita e immunità “.




In effetti, i modelli prevedono che la suscettibilità giovanile dovrebbe generalmente essere più bassa quando gli organismi hanno una durata che non è né troppo breve né troppo lunga. Se la vita dell’ospite è troppo breve, allora è difficile che la malattia si diffonda e quindi gli ospiti possono rischiare di essere più sensibili durante lo sviluppo. Se gli ospiti hanno una lunga durata di vita con stadi giovanili relativamente brevi, il rischio di una maggiore suscettibilità durante lo sviluppo si manifesta solo per un breve periodo e quindi la suscettibilità giovanile è nuovamente favorita.

In futuro, il team spera di testare le loro previsioni studiando la resistenza delle piantine nelle piante. Il dott. Ashby ha aggiunto: “Molte colture importanti sono state selezionate artificialmente per la resistenza delle piantine, quindi sappiamo che è fisiologicamente possibile ma spesso non si evolve in natura. Sembra probabile che ciò avvenga perché le piante, come gli altri ospiti, devono bilanciare le risorse durante lo sviluppo tra crescita e immunità “.

Fonte: Technology.org, Università di Bath