Ventiquattro ricercatori di diversi laboratori hanno progettato e sintetizzato ‘Disarib’, un farmaco che induce la morte delle cellule tumorali.


Il Dr Sathees Raghavan e il suo team di ricercatori del Dipartimento
di Biochimica dell’Indian Institute of Science di Bengaluru.

Biologi, chimici, clinici e specialisti in biologia del cancro, appartenenti a diversi laboratori, metteranno presto in comune le loro competenze per un progetto intitolato “Glue Grant”, per effettuare test preclinici del farmaco Disarib che determina la morte delle cellule tumorali. Il Dipartimento di Biotecnologie (DBT), Nuova Delhi, ha approvato questo sforzo collaborativo per produrre il primo farmaco coltivato in casa, che è risultato essere migliore di quello (Codenamed ABT199) approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti, perché non scatena alcun effetto collaterale.

Progettato e sintetizzato da ricercatori di otto diversi gruppi di ricerca sparsi nei laboratori di Mumbai, Thiruvananthapuram, Bengaluru, e con il contributo di una coppia di scienziati indiani presso il Dipartimento di Medicina Molecolare e Clinica del Cancro, Università di Liverpool, Disarib appartiene alla classe di “designer di molecole” che azzerano le cellule maligne come parte del metodo terapeutico mirato alla lotta contro il cancro. Per cominciare, l’efficacia verrà verificata sulle cellule tumorali dei pazienti affetti da leucemia e linfoma. Oltre a Disarib, nuovi farmaci con un’azione simile contro le cellule tumorali saranno testati per la tossicità e l’efficacia come parte del nuovo progetto, afferma il Prof. Sathees Raghavan del Dipartimento di Biochimica dell’Indian Institute of Science di Bengaluru.

Il Prof. Raghavan sostiene che studi preliminari del suo gruppo dimostrano che la molecola prodotta in casa ottiene risultati migliori di quella approvata dalla FDA in termini di eliminazione delle cellule tumorali. E lo fa in dosi significativamente più piccole, riducendo ulteriormente le possibilità di effetti collaterali. “La dimensione più piccola della molecola di Disarib, confrontata con ABT199, rende più facile per il farmaco raggiungere le cellule cancerose dove può iniziare a distruggere il tumore”, aggiunge la sua collega Supriya Vartak. I risultati sono stati pubblicati in Farmacologia Biochimica.

Dopo un numero di test e analisi preliminari, il farmaco è stato testato su linee cellulari tumorali, modelli animali, campioni di pazienti e altro ancora. Il team ha anche utilizzato un modello di tumore umanizzato nei topi per carcinoma ovarico, oltre a tre modelli indipendenti di tumore del topo per lo studio della proprietà di regressione del tumore di Disarib. La molecola è risultata efficace contro una serie di tumori: leucemia, linfoma, carcinoma mammario, carcinoma ovarico e tumore del colon.

“In tutti i casi, la nostra molecola ha ottenuto risultati migliori di ABT199, motivo per cui abbiamo deciso di brevettare questa molecola”, ha affermato il prof. Raghavan.

Le società farmaceutiche hanno mostrato un certo interesse, il che è molto incoraggiante, dice il prof. Raghavan, anche se avverte che i risultati dello studio approvato dal DBT decideranno quando il farmaco sarà disponibile sul mercato. Il gruppo ha sviluppato anche altri inibitori, alcuni sintetizzati in laboratorio e alcuni estratti dalle piante, e saranno testati come parte del nuovo progetto sebbene non siano efficaci quanto Disarib.

(Fonte: Deccanchronicle)