Il cuore, capire i campanelli d’allarme per evitare il peggio

Premessa: le informazioni in questo articolo non intendono sostituirsi alla diagnosi del medico, né vogliono proporsi come profilassi curativa. Semmai mirano ad allertare chi dovesse riscontrare una tale sintomatologia, poiché è sempre meglio un controllo superfluo che uno tardivo.

Un attacco di cuore è la morte di un segmento del muscolo cardiaco causato da una perdita di afflusso di sangue. Il sangue viene solitamente interrotto quando un’arteria che alimenta il muscolo cardiaco viene bloccata da un coagulo di sangue.

Se una parte del muscolo cardiaco muore, una persona avverte dolore toracico e instabilità elettrica del tessuto muscolare cardiaco.

Velocemente:

  • Durante un attacco cardiaco, il muscolo cardiaco perde l’apporto di sangue ed è danneggiato.
  • Il disagio e il dolore al torace sono sintomi comuni.
  • Il rischio di infarto aumenta quando un uomo ha più di 45 anni e una donna ha più di 55 anni.
  • Il fumo e l’ obesità sono fattori importanti, in particolare nella fascia di età a rischio.

Sintomi

Ci sono chiari sintomi di un attacco di cuore che richiedono cure mediche immediate.

Una sensazione di pressione, tensione, dolore, spremitura o dolori al petto o braccia che si diffondono al collo, alla mascella o alla schiena può essere un segno che una persona sta avendo un attacco di cuore.

Di seguito sono riportati altri possibili segni e sintomi di un attacco cardiaco che si verificano:

  • tosse
  • nausea
  • vomito
  • dolore al petto schiacciante
  • vertigini
  • mancanza di respiro chiamato dispnea
  • faccia di colore grigio
  • una sensazione di terrore che la vita sta finendo
  • sentirsi male, in generale
  • irrequietezza
  • sentirsi viscido e sudato
  • mancanza di respiro

Cambiare posizione non allevia il dolore di un attacco di cuore. Il dolore che una persona prova è normalmente costante, anche se a volte può andare e venire.

Segnali di avvertimento

Poiché gli attacchi di cuore possono essere fatali, è fondamentale riconoscere i segnali di allarme che sta avvenendo un attacco.

Mentre i sintomi sopra elencati sono tutti collegati ad attacchi di cuore, ci sono quattro segnali di pericolo elencati dall’American Heart Association (AHA) come segni cruciali di un attacco. Questi includono:

  • disagio, pressione, spremitura o pienezza nel torace che dura diversi minuti o si risolve poi ritorna
  • dolore o disagio alle braccia, al collo, alla schiena, allo stomaco o alla mascella
  • improvvisa mancanza di respiro

Altri segni possono includere sudore freddo, sensazione di nausea o nausea o sensazione di stordimento.

Quando una persona ha questi sintomi, i servizi di emergenza dovrebbero essere chiamati immediatamente.

complicazioni

Esistono due tipi di complicazioni che possono verificarsi in seguito a infarto. Il primo si verifica praticamente subito e il secondo avviene più tardi.

Complicazioni immediate

  • Aritmie:il cuore batte in modo irregolare, troppo veloce o troppo lentamente.
  • Shock cardiogeno:la pressione sanguigna di una persona cade improvvisamente e il cuore non può fornire abbastanza sangue affinché il corpo funzioni adeguatamente.
  • Ipossiemia: ilivelli di ossigeno nel sangue diventano troppo bassi.
  • Edema polmonare: illiquido si accumula dentro e intorno ai polmoni.
  • Trombosi della TVP o della vena profonda:le vene profonde delle gambe e del bacino sviluppano coaguli di sangue che bloccano o interrompono il flusso di sangue nella vena.
  • Rottura miocardica:l’attacco cardiaco danneggia la parete del cuore, il che significa un aumentato rischio di rottura della parete cardiaca.
  • Aneurisma ventricolare:una camera cardiaca, conosciuta come un ventricolo, forma un rigonfiamento.

Complicazioni che possono verificarsi in seguito

  • Aneurisma:tessuto cicatriziale si accumula sulla parete cardiaca danneggiata, portando a coaguli di sangue, bassa pressione sanguigna e ritmi cardiaci anormali.
  • Angina:non abbastanza ossigeno raggiunge il cuore, causando dolore al petto.
  • Insufficienza cardiaca congestizia:il cuore può solo battere molto debolmente, lasciando una persona esausta e senza fiato.
  • Edema: illiquido si accumula nelle caviglie e nelle gambe, facendoli gonfiare.
  • Perdita della funzione erettile: la disfunzione erettile è generalmente causata da un problema vascolare. Tuttavia, può anche essere il risultato della depressione .
  • Perdita di libido:può verificarsi una perdita di desiderio sessuale, specialmente nel caso degli uomini.
  • Pericardite:il rivestimento del cuore si infiamma, causando gravi dolori al petto.

È importante che un medico controlli una persona per diversi mesi dopo aver avuto un attacco di cuore per verificare l’eventuale presenza di queste complicazioni.

Trattamento

Il più veloce qualcuno viene trattato quando si ha un attacco di cuore, maggiori sono le possibilità di successo. In questi giorni, la maggior parte degli attacchi di cuore può essere affrontata in modo efficace.

Tuttavia, è fondamentale ricordare che la sopravvivenza di una persona dipende in larga misura dalla rapidità con cui raggiungono l’ospedale.

Trattamenti durante un attacco di cuore

A volte, una persona che sta avendo un attacco di cuore smetterà di respirare. In questo caso, la rianimazione cardio-polmonare o CPR deve essere avviata immediatamente. Questo processo implica:

  • compressioni toraciche manuali
  • un defibrillatore

Trattamenti dopo un attacco di cuore

La maggior parte delle persone avrà bisogno di diversi tipi di farmaci o trattamenti dopo un infarto. Lo scopo di queste misure è prevenire futuri attacchi di cuore. Possono includere:

  • aspirina e altri antipiastrinati
  • beta bloccanti
  • Inibitori ACE (enzima di conversione dell’angiotensina)
  • statine
  • angioplastica
  • Innesto di bypass CABG o coronarico

Definizione

Un attacco di cuore è un’emergenza medica in cui l’apporto di sangue al cuore si blocca, spesso come risultato di un coagulo di sangue.

Altri termini usati per un infarto includono infarto miocardico, infarto cardiaco e trombosi coronarica. Un infarto si verifica quando viene interrotto l’afflusso di sangue a un’area e il tessuto in quell’area muore.

Un attacco cardiaco è spesso confuso per un arresto cardiaco. Mentre sono entrambe le emergenze mediche, un attacco di cuore è il blocco di un’arteria che porta al cuore, e un arresto cardiaco comporta il cuore che ferma il pompaggio del sangue intorno al corpo. Un attacco di cuore può portare ad arresto cardiaco.

Prevenzione

Il modo migliore per prevenire un infarto è avere uno stile di vita sano. Le misure per una vita sana includono quanto segue:

  • non fumare
  • mangiare una dieta equilibrata e salutare
  • fare molto esercizio
  • ottenere un sacco di sonno di buona qualità
  • mantenere il diabete sotto controllo
  • mantenere l’assunzione di alcol verso il basso
  • mantenere il colesterolo nel sangue a livelli ottimali
  • mantenendo la pressione sanguigna a un livello sicuro
  • mantenere un peso corporeo sano
  • evitando lo stress ove possibile
  • imparare a gestire lo stress

Può essere utile per le persone a saperne di più sui segnali di pericolo di un attacco di cuore, pure.

Diagnosi

Qualsiasi medico, infermiere o operatore sanitario invierà qualcuno direttamente in ospedale se sospetta che possa avere un infarto. Una volta lì, possono essere fatti diversi test, tra cui:

  • ECG o elettrocardiografo
  • test degli enzimi cardiaci
  • radiografia del torace

Recupero

Il recupero da un attacco di cuore può essere un processo graduale. Dipende dalla gravità dell’attacco cardiaco e da altri fattori, come l’età di una persona.

Il recupero di una persona può comportare:

  • Ripresa dell’attività fisica:è vitale che un paziente con attacco cardiaco in fase di recupero rimanga attivo. Tuttavia, uno specialista dovrebbe progettare qualsiasi programma di esercizio per loro.
  • Ritorno al lavoro: il momento appropriato per il rientro al lavoro dipende da vari fattori, tra cui la gravità dell’attacco cardiaco e il tipo di lavoro che svolgono. È vitale non tornare subito al lavoro.
  • Un periodo di depressione:molte persone che hanno avuto un attacco di cuore sperimentano la depressione non molto tempo dopo. Chi si sente depresso o ansioso dovrebbe dirlo ai medici.
  • Guida di nuovo: gliesperti consigliano che una persona si astiene dalla guida per almeno 4 settimane dopo un infarto.
  • Disfunzione erettile:circa un terzo degli uomini ha problemi ad ottenere o mantenere un’erezione dopo un infarto.

È importante che gli uomini con disfunzione erettile parlino con i loro medici, in quanto i farmaci possono ripristinare la funzione nella maggior parte dei casi.

Gli esperti dicono che l’attività sessuale non aumenta il rischio di una persona di avere un altro attacco di cuore.

Le cause

I seguenti fattori sono associati ad un aumentato rischio di infarto:

  • Età: gliattacchi di cuore sono più probabili quando un uomo ha più di 45 anni e quando una donna ha più di 55 anni.
  • Angina:questo provoca dolore al petto a causa della mancanza di ossigeno o di afflusso di sangue al cuore.
  • Livelli elevati di colesterolo:possono aumentare la probabilità di coaguli di sangue nelle arterie.
  • Diabete:questo può aumentare il rischio di attacco di cuore.
  • Dieta: adesempio, il consumo di grandi quantità di grassi saturi può aumentare la probabilità di un attacco di cuore.
  • Genetica:una persona può ereditare un rischio più elevato di infarto.
  • Chirurgia cardiaca:questo può portare ad un infarto in seguito.
  • Ipertensione: l’ipertensionearteriosa può mettere a dura prova il cuore.
  • Obesità:essere significativamente sovrappeso può mettere sotto pressione il cuore.
  • Attacco cardiaco precedente.
  • Fumo: ifumatori sono a rischio molto più elevato rispetto ai non fumatori.
  • HIV: le persone sieropositive hanno un rischio maggiore del 50% .
  • Stress lavorativo:chi è turnista o ha un lavoro stressante può affrontare un rischio più elevato di infarto.

L’inattività fisica è un fattore di rischio di attacco cardiaco, e più le persone attive sono, più basso è il loro rischio di avere un attacco di cuore.

Spesso, quando si verifica, un attacco di cuore è causato da una combinazione di fattori, piuttosto che da uno solo.

Fonte: Medicalnewstoday