La claustrofobia è una forma di disturbo d’ansia, in cui una paura irrazionale di non avere scampo o di essere chiusa può portare ad un attacco di panico.

È considerata una fobia specifica secondo il Manuale diagnostico e statistico 5 (DSM-5).I trigger possono includere l’essere all’interno di un ascensore, una piccola stanza senza finestre o addirittura essere su un aereo. Alcune persone hanno riferito che indossare abiti a collo stretto può provocare sentimenti di claustrofobia.
Fatti veloci sulla claustrofobia:
Ecco alcuni punti chiave sulla claustrofobia. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • La claustrofobia colpisce alcune persone quando si trovano in uno spazio ristretto.
  • Può portare a sentimenti di panico.
  • Le cause possono includere fattori condizionanti e genetici.
  • Una varietà di consigli e trattamenti può aiutare le persone a superare la paura.

Cos’è la claustrofobia?

La claustrofobia è la paura di un luogo chiuso da cui la fuga sarebbe difficile o impossibile.

La parola claustrofobia deriva dalla parola latina claustrum che significa “un luogo chiuso” e la parola greca “phobos” che significa “paura”.

Le persone con claustrofobia faranno di tutto per evitare piccoli spazi e situazioni che scatenano il panico e l’ ansia .

Possono evitare luoghi come la metropolitana e preferiscono prendere le scale piuttosto che un ascensore, anche se sono coinvolti molti piani.

Fino al 5% degli americani può sperimentare la claustrofobia.

I sintomi possono essere gravi, ma molte persone non cercano un trattamento.

Diagnosi

Uno psicologo o uno psichiatra chiederà al paziente i loro sintomi.Una diagnosi di claustrofobia può emergere durante una consultazione su un altro problema relativo all’ansia.
Lo psicologo:

  • chiedere una descrizione dei sintomi e cosa li innesca
  • cercare di stabilire quanto siano gravi i sintomi
  • escludere altri tipi di disturbo d’ansia

Per stabilire alcuni dettagli, il medico può usare:

  • un questionario di claustrofobia per aiutare a identificare la causa dell’ansia
  • una scala di claustrofobia per aiutare a stabilirei livelli di ansia

Per una fobia specifica da diagnosticare, alcuni criteri devono essere soddisfatti .

Questi sono:

  • una paura irragionevole o eccessiva persistente causata dalla presenza o dall’anticipazione di una situazione specifica
  • risposta ansiosa quando esposta allo stimolo, possibilmente un attacco di paniconegli adulti, o, nei bambini, uno scoppio d’ira, aggrapparsi, piangere o congelarsi
  • un riconoscimento da parte di pazienti adulti che la loro paura è sproporzionata rispetto alla minaccia o al pericolo percepito
  • impiegare misure per evitare l’oggetto o la situazione temuti o una tendenza ad affrontare le esperienze ma con angoscia o angoscia
  • la reazione, l’anticipazione o l’evitamento della persona interferiscono con la vita e le relazioni quotidiane o causano un disagio significativo
  • la fobia è persistita per qualche tempo, di solito 6 mesi o più
  • i sintomi non possono essere attribuiti a un’altra condizione mentale, come il disturbo ossessivo-compulsivo(OCD) o il disturbo da stress post-traumatico (PTSD)

Sintomi

La claustrofobia è un disturbo d’ansia. I sintomi di solito compaiono durante l’infanzia o l’adolescenza.

Essere o pensare di stare in uno spazio ristretto può innescare la paura di non essere in grado di respirare correttamente, a corto di ossigeno, e di angoscia per essere limitato.

Quando i livelli di ansia raggiungono un certo livello, la persona può iniziare a sperimentare:

  • sudorazione e brividi
  • battito cardiaco accelerato e pressione alta
  • vertigini, svenimento e vertigini
  • bocca asciutta
  • iperventilazione o “respirazione eccessiva”
  • vampate
  • tremante o tremante e un senso di “farfalle” nello stomaco
  • nausea
  • mal di testa
  • intorpidimento
  • una sensazione di soffocamento
  • senso di oppressione al petto, dolore toracico e difficoltà di respirazione
  • una voglia di usare il bagno
  • confusione o disorientamento
  • paura di un danno o di una malattia

Non sono necessariamente i piccoli spazi che scatenano l’ansia, ma la paura di ciò che può accadere alla persona se limitata a quella zona.

Questo è il motivo per cui la persona teme di rimanere senza ossigeno.

Esempi di piccoli spazi che potrebbero scatenare l’ansia sono:

La claustrofobia può derivare dalla sensazione di essere intrappolati e cosa potrebbe accadere se restassero confinati in quella zona.

  • ascensori o spogliatoi nei negozi
  • tunnel, scantinati o cantine
  • treni e metropolitana
  • porte girevoli
  • aeroplani
  • bagni pubblici
  • auto, specialmente quelle con chiusura centralizzata
  • aree affollate
  • auto-lavaggi automatici
  • alcune strutture mediche, come gliscanner MRI
  • piccole stanze, stanze chiuse o stanze con finestre che non si aprono

Le reazioni includono :

  • controllando le uscite e rimanendo vicino a loro quando entrano in una stanza
  • sentirsi ansiosi quando tutte le porte sono chiuse
  • stare vicino alla porta in una festa affollata o in una riunione
  • evitare di guidare o viaggiare come passeggero quando è probabile che il traffico sia congestionato
  • usando le scale invece dell’ascensore, anche se questo è difficile e scomodo

La claustrofobia comporta la paura di essere ristretti o confinati in una sola area, quindi, dover aspettare in fila a un checkout può farlo anche in alcune persone.

Trattamento

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) può essere utilizzata per ridurre la frequenza e la potenza dei trigger della reazione di paura.

A seguito di una diagnosi, lo psicologo può raccomandare una o più delle seguenti opzioni di trattamento.

Terapia cognitivo comportamentale (CBT) : lo scopo è di riqualificare la mente del paziente in modo che non si sentano più minacciati dai luoghi che temono.

Può coinvolgere lentamente l’esposizione del paziente in piccoli spazi e aiutarli ad affrontare la paura e l’ansia.

Il dover affrontare la situazione che causa la paura può scoraggiare le persone dal cercare un trattamento.

Osservare gli altri : vedere gli altri interagire con la fonte della paura può rassicurare il paziente.

Terapia farmacologica : antidepressivi e rilassanti possono aiutare a gestire i sintomi, ma non risolveranno il problema sottostante.

Esercizi di rilassamento e visualizzazione : fare respiri profondi, meditare e fare esercizi di rilassamento muscolare può aiutare ad affrontare i pensieri e l’ansia negativi.

Medicina alternativa o complementare : alcuni integratori e prodotti naturali, ad esempio l’olio di lavanda o un “rimedio di salvataggio”, possono aiutare i pazienti a gestire il panico e l’ansia.

Il trattamento dura spesso circa 10 settimane, con sessioni due volte a settimana. Con un trattamento appropriato, è possibile superare la claustrofobia.

Suggerimenti per affrontare

Le strategie che possono aiutare le persone a far fronte alla claustrofobia includono :

  • stare fermo se succede un attacco. Se si guida, questo può includere il trascinamento sul lato della strada e l’attesa che i sintomi siano superati.
  • ricordando a te stesso che i pensieri e i sentimenti terrificanti passeranno
  • cercando di concentrarsi su qualcosa che non è minaccioso, ad esempio il tempo che passa o altre persone
  • respirando lentamente e profondamente, contando fino a tre per ogni respiro
  • sfidando la paura ricordando a te stesso che non è reale
  • visualizzazione di risultati positivi e immagini

Le strategie a lungo termine possono includere l’iscrizione a una lezione di yoga , l’elaborazione di un programma di esercizi o la prenotazione di un massaggio con aromaterapia, per aiutare a far fronte allo stress .

Le cause

L’esperienza passata o infantile è spesso l’innesco che induce una persona ad associare piccoli spazi a un senso di panico o pericolo imminente.

Le esperienze che possono avere questo effetto possono includere:

  • essere intrappolato o tenuto in un luogo chiuso, per errore o di proposito
  • essere abusato o vittima di bullismo da bambino
  • separarsi da genitori o amici quando si è in una zona affollata
  • avere un genitore con claustrofobia

Il trauma vissuto in quel momento influenzerà la capacità della persona di far fronte a una situazione simile razionalmente in futuro. Questo è noto come condizionamento classico.

Si crede che la mente della persona colleghi il piccolo spazio o l’area ristretta con la sensazione di essere in pericolo. Il corpo reagisce di conseguenza, o in un modo che sembra logico.

Il condizionamento classico può anche essere ereditato da genitori o colleghi. Se un genitore, per esempio, ha paura di essere vicino, il bambino può osservare il loro comportamento e sviluppare le stesse paure.

Possibili fattori genetici o fisici

Altre teorie che possono spiegare la claustrofobia includono:

Avere un’amigdala più piccola: questa è la parte del cervello che controlla il modo in cui il corpo elabora la paura .

Fattori genetici: un meccanismo di sopravvivenza dormiente evolutivo provoca reazioni che non sono più necessarie nel mondo di oggi.

Studi sui topi hanno indicato che un singolo gene può causare ad alcuni individui un maggior grado di “stress da intruso residente”.

Un gruppo di ricercatori ha suggerito che le persone che soffrono di claustrofobia percepiscono le cose come più vicine di quanto non siano, e questo innesca un meccanismo di difesa.

(fonte: medicalnewstoday, di Mike Paddock)