La stagione influenzale è iniziata presto e potrebbe passare alla marcia più alta durante le vacanze

Se hai in programma di fare un vaccino antinfluenzale, ma non ci sei ancora arrivato, il momento di agire è ora, specialmente se speri di essere sano a Natale.

La stagione influenzale è iniziata presto quest’anno e potrebbe essere in procinto di raggiungere il picco proprio durante le vacanze, dicono gli esperti di influenza STAT.

“Se continua a salire come le ultime due settimane, sì, potremmo avere una picco alto di attività proprio a Natale”, ha detto Lynnette Brammer, epidemiologa influenzale presso il Centers for Disease Control and Prevention.

I virus dell’influenza sono estremamente imprevedibili, quindi anche esperti come Brammer – che ha monitorato l’influenza per 26 anni – sono riluttanti a fare troppe pronostici.

Ma alcuni modelli vengono messi a fuoco quando le persone iniziano a sentirsi male in seguito all’influenza. Ecco alcuni segnali che gli esperti stanno monitorando.

La stagione influenzale non è come la stagione di caccia. Non c’è una data di inizio certa.

I virus dell’influenza circolano in basso numero durante tutto l’anno, ma in un punto dell’inverno provocano un attacco importante, innescando un picco di infezioni che in genere dura alcune settimane in un luogo particolare, che copre circa otto settimane a livello nazionale. Questa è la stagione influenzale.

Spesso i picchi di attività maggiore si hanno a gennaio o febbraio.
Ogni settimana, il CDC rilascia un rapporto dell’influenza che include un grafico delimitato da una linea nera tratteggiata. Quando la percentuale di persone che sta andando dal proprio medico per sintomi simil-influenzali attraversa quella linea nera, è presa come un segno che la stagione influenzale è iniziata.

Brammer – che guida il team che redige il rapporto – ha detto che il rapporto di questa settimana mostrerà probabilmente che abbiamo superato quella linea. “Non sarei sorpreso”, ha detto.

Il rapporto più recente , pubblicato lunedì, ha mostrato che in America negli stati di Louisiana e Oklahoma, hanno già una diffusa attività influenzale e alcuni stati vicini si stanno riscaldando.

Gli adulti più anziani possono affrontare un doppio smacco

Esistono diversi tipi di virus influenzali e non tutti colpiscono altrettanto duramente. Il tipo responsabile della maggior parte della malattia, almeno al momento, si chiama H3N2.

Le stagioni influenzali H3 sono in genere più gravi; questi virus sono particolarmente difficili per gli adulti più anziani, che spesso hanno altri disturbi di salute che li rendono vulnerabili a malattie gravi quando contraggono l’influenza.

L’anno scorso i virus H3N2 dominavano in Nord America e gli esperti speravano che uno degli altri virus potesse prendere una svolta quest’anno. Ma hanno anche temuto la grave stagione influenzale che l’Australia ha avuto durante la nostra estate – un sacco di H3N2, ma anche qualche influenza B – potrebbe presagire ciò che era in serbo per noi.

Finora, i dati di sorveglianza indicano il modello dell’Australia, ha detto il dott. Danuta Skowronski, epidemiologo influenzale presso il British Columbia Center for Disease Control.

Nella maggior parte delle stagioni influenzali c’è un picco dell’influenza A – H3N2 e H1N1 sono virus dell’influenza A – e quindi, sulla coda dell’epidemia, i virus B iniziano a dominare. Anche se H3 è il virus dominante in questo momento, Skowronski ha detto che la Columbia Britannica ha registrato più infezioni da influenza B quest’autunno che da un decennio. “Questa precoce influenza B in concomitanza con H3 è davvero insolita”, ha detto.

Storia correlata:

In che modo l’incredibile uovo commestibile potrebbe effettivamente ostacolare il tuo vaccino antinfluenzale

Ciò che rende particolarmente preoccupante il fatto che i virus dell’influenza B che stanno attualmente facendo il giro – sono chiamati B Yamagata – sono particolarmente pericolosi per gli anziani.

“Quindi sono un po ‘preoccupato che se … questo profilo persiste più a fondo nella stagione influenzale, potrebbe essere doppiamente difficile per gli adulti più anziani con quella combinazione di B Yamagata e H3”, ha detto Skowronski.

“Non mi piacciono i segnali. Non mi piace lo schema che sta emergendo “, ha aggiunto. “È coerente ed è persistente in una direzione che preferirei non vedere.”

Il vaccino antinfluenzale di quest’anno non sarà ideale

La componente H3N2 nel vaccino antinfluenzale di quest’anno è identica a quella che si è verificata nella vaccinazione antinfluenzale dell’anno scorso. E lo scorso anno, ha ridotto il rischio di infezione da virus H3 di circa il 34%.

In Australia, dove è stato utilizzato lo stesso componente, la protezione era ancora più bassa. Un commento pubblicato mercoledì sul New England Journal of Medicine ha fissato il 10% della stima preliminare dell’efficacia del vaccino per il componente H3N2 del vaccino. Il problema è dovuto a una grande mutazione che si è sviluppata nei virus del vaccino per il componente H3N2 quando questi virus sono stati coltivati ​​in uova, come viene prodotto dalla maggior parte dei vaccini antinfluenzali.

(A questo punto, potreste chiedervi: perché preoccuparsi di vaccinarsi? Beh, protegge contro diversi tipi di virus influenzali, e gli altri componenti generalmente sono più efficaci della parte H3. Inoltre, alcune protezioni sono meglio di niente.)

Funzionari della sanità pubblica negli Stati Uniti e in Canada hanno avvertito i medici che alcuni dei loro pazienti che hanno ricevuto il vaccino, contrarranno comunque l’influenza. Li hanno esortati a prescrivere farmaci antivirali se ciò accade a un paziente che ha malattie croniche. L’infezione influenzale può essere molto grave e persino fatale in persone con malattie cardiache o polmonari o con un sistema immunitario indebolito.

L’Associazione di microbiologia medica e malattie infettive in Canada ha compiuto un ulteriore passo avanti , raccomandando ai medici che si occupano di pazienti ad alto rischio di prendere in considerazione una prescrizione per un antivirale in anticipo, in modo che possano riempirlo rapidamente se si ammalano. I farmaci antivirali devono essere assunti entro 48 ore dall’insorgenza dei sintomi influenzali.

Ma, ma, ma, ma …

Ricorda, l’influenza è imprevedibile. La stagione sta iniziando – è chiaro – ma la distribuzione dei virus circolanti potrebbe ancora cambiare.

Brammer è perplesso da alcune delle cose che sta vedendo nei dati degli Stati Uniti. Ad esempio, non c’è stata ancora molta malattia tra i bambini, che sono generalmente considerati amplificatori di influenza. Si ammalano e infettano i loro genitori e nonni, che infettano i loro contatti.

I dati suggeriscono che i bambini malati hanno preso H1N1, l’altro virus dell’influenza A. H3N2, non così tanto.  Un’altra cosa da ricordare è che un inizio precoce della stagione influenzale non significa che la stagione influenzale sarà terribile. Ciò dipenderà dai virus che circolano, dal numero di persone vaccinate e dal livello di protezione del vaccino.

“Sembra un po ‘prima quest’anno”, ha detto Brammer. “E questo forse significa che iniziamo un po ‘prima e finiamo un po’ prima. Non è necessariamente correlato con gravità o qualcosa del genere. ”

(Articolo tradotto dal sito statnews.com )