Tutto ciò che devi sapere sulle fobie

Una fobia è un tipo di disturbo d’ansia che induce un individuo a sperimentare la paura estrema e irrazionale su una situazione, una creatura vivente, un luogo o un oggetto.

Quando una persona ha una fobia, spesso modellerà la propria vita per evitare ciò che considera pericoloso. La minaccia immaginata è maggiore di qualsiasi minaccia reale posta dalla causa del terrore.

Le fobie sono disturbi mentali diagnosticabili.

La persona sperimenterà un intenso disagio di fronte alla fonte della sua fobia. Questo può impedire loro di vivere normalmente e a volte porta ad attacchi di panico .

In breve:

  • Le fobie sono più gravi delle semplici sensazioni di paura e non si limitano alle paure di inneschi specifici.
  • Nonostante le persone siano consapevoli che la loro fobia è irrazionale, non possono controllare la reazione di paura.
  • I sintomi possono includere sudorazione, dolori al petto e spilli e aghi.
  • Il trattamento può includere farmaci e terapia comportamentale.
  • Si calcola che una percentuale che va dal 2 a 5% della popolazione mondiale, possa soffire di qualche fobia.

Cos’è una fobia?

Una fobia è una paura esagerata e irrazionale.

Il termine ‘fobia’ è spesso usato per riferirsi alla paura di un particolare innesco. Tuttavia, ci sono tre tipi di fobia riconosciuti dall’American Psychiatric Association (APA). Questi includono:

Fobia specifica: questa è una paura intensa e irrazionale di un innesco specifico.

Fobia sociale o ansia sociale: questa è una profonda paura dell’umiliazione pubblica e di essere individuati o giudicati dagli altri in una situazione sociale. L’idea di grandi raduni sociali è terrificante per chi soffre di ansia sociale . Non è la stessa cosa della timidezza.

Agorafobia: questa è la paura di situazioni dalle quali sarebbe difficile sfuggire se una persona provasse il panico estremo, come essere in un ascensore o essere fuori casa. È comunemente frainteso come paura degli spazi aperti, ma potrebbe anche applicarsi ad essere confinato in uno spazio ristretto, come un ascensore, o essere sul trasporto pubblico. Le persone con agorafobia hanno un aumentato rischio di disturbo di panico.

Fobie specifiche sono note come fobie semplici in quanto possono essere collegate a una causa identificabile che potrebbe non verificarsi frequentemente nella vita quotidiana di un individuo, come i serpenti. Pertanto non è probabile che influenzino la vita di tutti i giorni in modo significativo.

L’ansia sociale e l’agorafobia sono note come fobie complesse, in quanto i loro fattori scatenanti sono meno facilmente riconosciuti. Le persone con fobie complesse possono anche trovare più difficile evitare i trigger, come lasciare la casa o essere in una grande folla.

Una fobia diventa diagnosticabile quando una persona inizia ad organizzare le proprie vite evitando la causa della propria paura. È più grave di una normale reazione di paura. Le persone con una fobia hanno un bisogno opprimente di evitare tutto ciò che scatena la loro ansia.

Sintomi

Una persona con una fobia sperimenterà i seguenti sintomi. Sono comuni nella maggior parte delle fobie:

  • una sensazione di irrefrenabile ansia quando esposta alla fonte della paura
  • la sensazione che la fonte di quella paura debba essere evitata a tutti i costi
  • non essere in grado di funzionare correttamente quando esposti al grilletto
  • riconoscimento che la paura è irrazionale, irragionevole ed esagerata, combinata con un’incapacità di controllare i sentimenti

È probabile che una persona provi sentimenti di panico e un’ansia intensa quando viene esposta all’oggetto della sua fobia. Gli effetti fisici di queste sensazioni possono includere:

  • sudorazione
  • respirazione anormale
  • battito cardiaco accelerato
  • tremito
  • vampate di calore o brividi
  • una sensazione di soffocamento
  • dolori al petto o senso di oppressione
  • farfalle nello stomaco
  • formicolio
  • bocca asciutta
  • confusione e disorientamento
  • nausea
  • vertigini
  • mal di testa

Una sensazione di ansia può essere prodotta semplicemente pensando all’oggetto della fobia. Nei bambini più piccoli, i genitori possono osservare che piangono, diventano molto appiccicosi o tentano di nascondersi dietro le gambe di un genitore o di un oggetto. Possono anche lanciare scoppi d’ira per mostrare la loro angoscia.

Fobie complesse

Una fobia complessa ha molte più probabilità di influenzare il benessere di una persona rispetto a una fobia specifica.

Ad esempio, coloro che sperimentano l’agorafobia possono anche avere un numero di altre fobie collegate. Questi possono includere la monofobia, o la paura di essere lasciati soli, e la claustrofobia , la paura di sentirsi intrappolati in spazi chiusi.

Nei casi più gravi, una persona con agorafobia raramente lascia la propria casa.

tipi

Le fobie specifiche più comuni negli Stati Uniti includono:

  • Claustrofobia:paura di trovarsi in spazi ristretti e ristretti
  • Aerofobia:paura di volare
  • Aracnofobia:paura dei ragni
  • Guidare la fobia:paura di guidare una macchina
  • Emetofobia:paura del vomito
  • Eritrofobia:paura di arrossire
  • Ipocondria:paura di ammalarsi
  • Zoofobia:paura degli animali
  • Aquaphobia:paura dell’acqua
  • Acofobia:paura delle altezze
  • Fobia di sangue, ferita e iniezione (BII):paura di ferite che coinvolgono il sangue
  • Escalaphobia:paura delle scale mobili
  • Fobiadel tunnel : paura dei tunnel

Questi sono lontani dalle uniche fobie specifiche. Le persone possono sviluppare una fobia di quasi tutto. Inoltre, man mano che la società cambia, l’elenco delle possibili fobie cambia. Ad esempio, la nomofobia è la paura di non avere un cellulare o un computer.

Le cause

È insolito che una fobia inizi dopo i 30 anni di età, e la maggior parte inizia durante la prima infanzia, l’adolescenza o la prima età adulta.

Possono essere causati da un’esperienza stressante, da un evento spaventoso o da un genitore o un membro della famiglia con una fobia che un bambino può “apprendere”.

Fobie specifiche

Questi di solito si sviluppano prima dei 4-8 anni. In alcuni casi, potrebbe essere il risultato di una prima esperienza traumatica. Un esempio potrebbe essere la claustrofobia che si sviluppa nel tempo dopo che un bambino più piccolo ha avuto un’esperienza spiacevole in uno spazio ristretto.

Le fobie che iniziano durante l’infanzia possono anche essere causate dalla testimonianza della fobia di un membro della famiglia. Un bambino la cui madre ha l’aracnofobia, ad esempio, ha molte più probabilità di sviluppare la stessa fobia.

Fobie complesse

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare esattamente perché una persona sviluppa agorafobia o ansia sociale. I ricercatori attualmente credono che le fobie complesse siano causate da una combinazione di esperienze di vita, chimica del cervello e genetica.

Possono anche essere un’eco delle abitudini dei primi umani, residui di un tempo in cui gli spazi aperti e le persone sconosciute in genere rappresentavano una minaccia molto più grande per la sicurezza personale che nel mondo di oggi.

Come funziona il cervello durante una fobia

Alcune aree del cervello memorizzano e richiamano eventi pericolosi o potenzialmente mortali.

Se una persona affronta un evento simile più tardi nella vita, quelle aree del cervello recuperano la memoria stressante, a volte più di una volta. Questo fa sì che il corpo sperimenti la stessa reazione.

In una fobia, le aree del cervello che si occupano di paura e stress continuano a recuperare l’evento spaventoso in modo inappropriato.

I ricercatori hanno scoperto che le fobie sono spesso collegate all’amigdala , che si trova dietro la ghiandola pituitaria nel cervello. L’amigdala può innescare il rilascio di ormoni “combatti o fuggi”. Questi mettono il corpo e la mente in uno stato di allerta e stress.

Trattamento

Le fobie sono altamente curabili e le persone che li hanno sono quasi sempre consapevoli del loro disturbo. Questo aiuta a diagnosticare il problema.

Parlare con uno psicologo o uno psichiatra è un utile primo passo nel trattare una fobia che è già stata identificata.

Se la fobia non causa gravi problemi, la maggior parte delle persone trova che semplicemente evitare la fonte della propria paura li aiuta a mantenere il controllo. Molte persone con fobie specifiche non cercheranno trattamenti poiché queste paure sono spesso gestibili.

Non è possibile evitare i trigger di alcune fobie, come spesso accade con le fobie complesse. In questi casi, parlare con un professionista della salute mentale può essere il primo passo verso la guarigione.

La maggior parte delle fobie può essere curata con un trattamento appropriato. Non esiste un trattamento singolo che funzioni per ogni persona con una fobia. Il trattamento deve essere adattato all’individuo affinché funzioni.

Il medico, lo psichiatra o lo psicologo possono raccomandare terapie comportamentali, farmaci o una combinazione di entrambi. La terapia ha lo scopo di ridurre i sintomi di paura e ansia e aiutare le persone a gestire le loro reazioni all’oggetto della loro fobia.

farmaci

I seguenti farmaci sono efficaci per il trattamento delle fobie.

Beta-bloccanti: questi possono aiutare a ridurre i segni fisici di ansia che possono accompagnare una fobia.

Gli effetti collaterali possono includere mal di stomaco , stanchezza , insonnia e dita fredde.

Antidepressivi: gli inibitori del reuptake della serotonina (SSRI) sono comunemente prescritti per le persone con fobie. Colpiscono i livelli di serotonina nel cervello e questo può portare a migliori stati d’animo.

Gli SSRI possono inizialmente causare nausea, problemi di sonno e mal di testa.

Se l’SSRI non funziona, il medico può prescrivere un inibitore delle monoaminossidasi (MAOI) per la fobia sociale. Gli individui su un IMAO potrebbero dover evitare determinati tipi di cibo. Gli effetti collaterali possono inizialmente includere vertigini, mal di stomaco, irrequietezza, mal di testa e insonnia.

È stato anche scoperto che l’ assunzione di un antidepressivo triciclico (TCA), come clomipramina o Anafranil, aiuta i sintomi della fobia. Gli effetti collaterali iniziali possono includere sonnolenza, visione offuscata, stitichezza , difficoltà di minzione, battito cardiaco irregolare, secchezza delle fauci e tremori.

Tranquillanti: Le benzodiazepine sono un esempio di un tranquillante che potrebbe essere prescritto per una fobia. Questi possono aiutare a ridurre i sintomi di ansia. Le persone con una storia di dipendenza da alcol non dovrebbero ricevere sedativi.

Terapia comportamentale

Ci sono un certo numero di opzioni terapeutiche per il trattamento di una fobia.

Desensibilizzazione o terapia di esposizione: questo può aiutare le persone con una fobia a modificare la loro risposta all’origine della paura. Vengono gradualmente esposti alla causa della loro fobia per una serie di passi intensificanti. Ad esempio, una persona con l’aerofobia o la paura di volare su un aereo, può prendere le seguenti misure sotto guida:

Penseranno prima di volare.

  • Il terapeuta li farà guardare le immagini degli aerei.
  • La persona andrà in un aeroporto.
  • Si intensificheranno ulteriormente sedendosi in una cabina di simulazione dell’aereo simulata.
  • Alla fine saliranno su un aereo.

Terapia cognitivo comportamentale (CBT): il medico, il terapeuta o il consulente aiutano la persona con una fobia a imparare diversi modi di comprendere e reagire alla fonte della loro fobia. Questo può facilitare la gestione. Ancora più importante, la CBT può insegnare a una persona che vive la fobia a controllare i propri sentimenti e pensieri.

Le fobie possono essere fonte di angoscia sincera e continua per un individuo. Tuttavia, nella maggior parte dei casi sono curabili e molto spesso la fonte della paura è evitabile.

Se hai una fobia, l’unica cosa di cui non dovresti mai aver paura è cercare aiuto

Fonte:medicalnewstoday